scriviciVai a FacebookVai a Instagram

monza per i bambini

Le Meraviglie della Val Biandino

Le Meraviglie della Val Biandino

Il caldo inizia a farsi sentire qua in città, la scuola è ormai agli sgoccioli e le vacanze estive sono ormai vicine, nell'attesa, perché non concedersi una bella gita in famiglia, un piccolo svago dagli ultimi sforzi sui banchi di scuola, una tregua dal caldo cittadino, una bella boccata d'ossigeno per rigenerarsi dalle fatiche lavorative.  Senza dover macinare km e km, la vicina Valsassina fa al caso nostro.

Una bellissima vallata che ha tanto da offrire, da semplici camminate, fino ad arrivare ad itinerari molto impegnativi, insomma ce ne per tutti i gusti.
La nostra scelta di oggi, ricade, su di una vallata laterale della Valsassina, la bellissima Val Biandino, una valle immacolata, la sua semplicità la resa splendida ai miei occhi, spero che possa esserlo anche per voi.

Il colore verde dei suoi prati, il fiume che scorre lungo la vallata, il gorgolio delle sue acque è musica per le mie orecchie. Il lago Sasso da dove prende vita il fiume Troggia che discende lungo la vallata, il pizzo dei Tre Signori davanti ai nostri occhi, un anfiteatro naturale che avvolge questa valle, il Santuario della Madonna della neve e il suo piccolo abitato, ed infine la buona cucina casereccia del rifugio Tavecchia.
Questo è quello che ho potuto scoprire insieme alla mia famiglia e che potete trovare nella bellissima Val Biandino.
Ma andiamo con ordine, per scoprire la val Biandino raggiungiamo l'abitato di Introbbio, da qui possiamo decidere di usufruire del servizi jeep (a pagamento) che il rifugio Tavecchia mette a disposizione o risalire a piedi la valle fino ad arrivare alla Bocca di Biandino 1493 m. dove si aprirà e potrete ammirarla in tutta la sua bellezza.
Un consiglio spassionato che vi do sopratutto se avete bambini piccoli (ancora portati in spalla) o bambini che camminano ma non hanno ancora la dimestichezza nelle lunghe percorrenze di usufruire del servizio jeep che il rifugio mette a disposizione.
Ve lo dico, perché noi abbiamo testato personalmente la risalita a piedi, pur essendo un bel percorso, si tratta di una carrozzabile, il transito è consentito solo agli autorizzati. Il tragitto è lungo con tratti di salita ripida e tratti di salita lieve ma costante e brevi tratti pianeggianti, in alcuni punti si può tagliare il tracciato seguendo il sentiero che risale tra i boschi circostanti, il tragitto dura circa 2/2.30.

Invece con il servizio jeep in circa 20 minuti vi ritroverete direttamente nel cuore della val Biandino, pronti per esplorare la valle.
Giunti alla Bocca di Biandino, dopo aver prenotato il nostro tavolo al rifugio Tavecchia, iniziamo a percorrere la valle, una distesa infinita di prati fioriti, proseguiamo il nostro cammino fino al santuario Madonna della neve e all'omonimo rifugio che attualmente è chiuso in attesa della riapertura. Il tracciato molto semplice, un sentiero di montagna molto comodo e largo in leggera salita, in alcuni punti la pendenza aumenta ma nulla di massacrante, dal rifugio al santuario ci vogliono circa 30 minuti.

Qui troverete una fontana per dissetarvi, delle panchine dove riposare e ammirare il panorama che le montagne circostanti ci offrono, davanti ai nostri occhi il pizzo dei tre Signori (2554 m).
Dopo una breve sosta, recuperiamo le energie, per compiere la salita che ci condurrà al lago Sasso. 
Il sentiero risale lungo le pendici della montagna, un sentiero che richiede un buon allenamento, in quanto è una costante salita, solo verso l'arrivo al lago troveremo un paio di falsi piani che ci faranno recuperare un po di fiato fino a giungere a destinazione. Il percorso lo consiglio a bambini già abituati alle camminate (6/7 anni in su) o bambini portati in spalla con aposito zaino.

Arrivati a destinazione i vostri piccoli esploratori saranno fieri di loro stessi per aver raggiunto la meta.
Il lago si trova ad un'altitudine di 1.900 m, le sue acque color smeraldo, ripagheranno della fatica, i prati circostanti in piena fioritura e se siete fortunati, nel periodo giusto tra metà giugno e inizi luglio troverete i rododendri in fiore, che regalano ancora più fascino a questo piccolo angolo di paradiso. Il tempo di percorrenza dal Santuario della Madonna della neve è di circa 1/1.30 (dipende dal passo che si riesce a tenere) ma più o meno le tempistiche sono queste.


Ci prendiamo il tempo necessario per riposarci, ammirando il lago e ascoltando il silenzio che regna sovrano, nel frattempo i bambini potranno divertirsi con le fresche acque del lago.


E' giunta l'ora di ritornare è quasi ora di pranzo e il rifugio Tavecchia ci attende.
Ripercorriamo a ritroso il sentiero, fino a giungere al rifugio, dove ci aspetta un bel pranzo, un ottima cucina casalinga, che saprà soddisfare anche i palati più esigenti.
Il rifugio ha una bellissima terrazza panoramica dove poter rilassarsi e prendere in tutta tranquilla un po di sole, a disposizione qualche gioco per i bambini e poi cosa volere di più se non la libertà di correre liberi tra i prati di montagna, raccogliere fiori e perché no, giocare a riva del fiume.
Adesso tocca a voi scoprire le meraviglie della Val Biandino.

Di seguito alcune dritte che possono tornare utili per l'organizzazione della vostra gita.

Per raggiungere Introbbio, seguiamo le indicazioni per Lecco prendiamo l'uscita per la Valsassina, giunti a Ballabio, alla rotonda, svoltiamo a destra e proseguiamo la strada fino a giungere a Introbbio. Nel caso vorrete usufruire del servizio trasporto jeep che il rifugio mette a disposizione ( a pagamento), di solito l'orario di ritrovo è alle nove presso il parcheggio dello stabilimento dell'acqua Norda, dove potrete parcheggiare l'auto. Nel caso decidiate di percorre il tragitto a piedi, arrivati a Introbbio superate l'abitato prendete per via Ai Forni e subito dopo via Alle Ville dopo al termine della carrozzabile troverete il divieto di transito e dovrete parcheggiare l'auto sui lati della strada e da qui seguirete le indicazioni.

Come anticipato prima si tratta di una carrozzabile è fattibile anche con passeggino da trekking, da tenere in considerazione le salite. Assolutamente zaino porta bimbo per proseguire lungo il percorso dal rifugio al lago Sasso.

I tempi di percorrenza a piedi dall'abitato di Introbbio alla Bocchetta di Biandino sono 2/2.30 dislivello circa 900m. si parte da un altezza di 586 m. (Introbbio) per arrivare ai 1493 m. (Bocca di Biandino). Dal Rifugio Tavecchia (1493 m) al Santuario Madonna della Neve (1595 m) il dislivello è di 100 m (0.30 minuti di percorrenza) dal Santuario (1595 m) al lago Sasso (1900 m) il dislivello è di 300m, quest'ultimo tratto indicato per famiglie abituate a camminate lunghe in montagna con una buona conoscenza dei sentieri di montagna.

Riferimenti rifugio Tavecchia:
www.rifugiotavecchia.it
Gest. Fam. Buzzoni - Val Biandino - Introbio (Lecco)
Tel. 340.501.2449
mail:
Aperture: il rifugio è aperto tutti i mercoledì e nei week end

 A presto con altre belle gite da vivere in famiglia

ilprofumodellamontagna

Tags: gite fuori porta,, gite all'aria aperta,, gite con i bambini,, gite in montagna, valsassina

 
Vuoi segnalare un evento?
Contatta la redazione scrivendo a

Iscriviti qui alla Newsletter per avere gli sconti

Vi ricordiamo che Monzaperibambini non cede alcun dato personale a terze parti perchè le tue informazioni ci stanno a cuore!

captcha 
Privacy e Termini di Utilizzo