scriviciVai a FacebookVai a Instagram

monza per i bambini

La Valle di Ledro divertimento tra cascate, acque cristalline e sentieri magici!

valle_ledro_bambini

La scorsa primavera abbiamo inaugurato la stagione delle gite in famiglia andando alla scoperta della Valle di Ledro, una delle prime valli del Trentino arrivando da Brescia. Il tempo di arrivo si aggira intorno alle due ore, quindi per chi lo volesse è una gita fattibile in giornata, noi abbiamo preferito optare per un weekend soggiornando nella località Molini di Ledro.

Come prima cosa da vedere abbiamo scelto la bella cascata del Gorg D’abiss a Tiarno di Sotto. Si sa che le cascate attirano particolarmente i bambini quindi la scelta è stata ottima!!!
Una volta arrivati a Tiarno di Sotto troverete dei cartelli indicanti il Gorg D’abiss, il sentiero che conduce alle cascate è molto facile ed adatto anche ai bambini più piccoli essendo molto breve.
Il passeggino da trekking può essere tranquillamente usato, salvo far attenzione all’ultimo tratto a bordo cascata dove lo stradello è molto scivoloso.
Tutto il percorso che porta alla cascata è ombreggiato e si costeggia il ruscello creato dalle cascate stesse. Ci sono delle panchine sul bordo del percorso su cui sedersi e un prato per chi volesse fare un picnic.
Il frastuono della cascata è vigoroso e la cosa bella e che ci si può ben avvicinare alla cascata in quasi totale sicurezza, ovviamente la mano ai più piccoli in queste circostanze è quasi sempre d’obbligo!!
La nostra prima esperienza nella Valle di Ledro è stata ampiamente promossa dai bambini!



Seconda tappa della giornata è stato il Lago di Ledro.
Il paesaggio è davvero molto bello verdi montagne si riflettono sulle sue acque trasparenti del lago. I colori del lago sono davvero meravigliosi dall’azzurro al verde! Viene subito voglia di tuffarsi!
Piedi scalzi e via subito in acqua! Peccato che le temperature ancora non permettendo un bel bagno, ovviamente i bambini tedeschi sono già tutti in acqua :-) e se avessimo pensato a portarci una mutina avremmo potuto lanciarci anche noi!



Lungo il perimetro del lago ci sono numerose spiaggette in cui potersi divertire e rilassare, esistono numerose postazioni con noleggio pedalò, bar e ristoranti, parchi gioco e parcheggi a pagamento.
La zona con la spiaggi più bella per noi è la quella de Pur, un bel pratone dove noi grandi ci siamo sdraiati al sole ed i bambini hanno potuto correre e giocare.
Questa spiaggia è aperta anche agli animali quindi se per voi fosse un problema sceltene una diversa.


Nei nostri programmi c’era quello di fare una puntatina al Museo delle Palafitte che si trova proprio sulla riva del Lago ma per nostra sfortuna era fase di ristrutturazione, dovremo ritornarci, dalle recensioni lette sembra molto interessante. Per chi lo volesse, esiste in zona la passeggiata “Ledro Land Art” per ammirare delle sculture create con materiali naturali da alcuni scultori locali.

Al posto di quest’ultima abbiamo optato per una passeggiata alla scoperta di cinquant’anni di storia italiana tra le trincee di Bezzecca, costruite ai tempi di Garibaldi ed utilizzate fino agli scontri armati della Grande Guerra. Numerosi cartelli aiutano a spiegare cosa fossero le trincee, i camminamenti e le gallerie e a illustrare la storia e la vita di quei tempi. I bambini si sono divertiti ad esplorarle ed in alcuni punti sembrava di percorrere un lungo labirinto tortuoso!



La domenica ci siamo dedicati alla natura ed in particolare a percorrere il sentiero naturalistico della Val Concei nella Valle di Ledro.
Il sentiero parte da Lenzumo e con un facile passeggiata arriva fino al rifugio al Faggio.

L’itinerario è adatto a tutti essendo per lo più pianeggiante e ben ombreggiato, per i bambini piccoli suggeriamo fascia o passeggino da trekking.
Il percorso camminando in maniera tranquilla e facendo numerose fotografie dura circa 1,30 – 2 ore.


La prima parte del percorso è dedicata a guardare il bellissimo paesaggio della valle: gli alti faggi, il sottobosco profumato, i caprioli (se sarete fortunati) ed i bellissimi chalet di montagna che si incontrano.
La parte conclusiva è molto divertente per i bambini perché ci si inoltra nel sentiero della Fata Gavardina, una leggendaria fata che abitava la Valle di Ledro dai poteri miracolosi!
Bellissime statue scolpite nel legno vi attenderanno: gnomi, folletti e stregoni realizzate da undici artisti locali. Ogni rappresentazione merita una foto ricordo, sono davvero tutte ben fatte e caratteristiche, i vostri bambini ne resteranno sicuramente felici.

 

Una volta arrivati allo chalet al Faggio ci siamo gustati un ottimo pranzo a base di piatti tipici locali, la famosa polenta di patate e di farina gialla di Storo. Nei pressi dello chalet scorre un bel ruscello dove i bambini si sono divertiti a giocare costruendo una piccola diga con i sassi! Che dire ottimo per i bambini e perfetto per noi che ci siamo potuti rilassare al sole sulle panchine dell’area picnic limitrofa.

La Valle di Ledro per noi è stata davvero una piacevole scoperta, sicuramente ci ritorneremo ..magari in occasione dell'autunno per ammirarne i colori che la natura regala in quel periodo!

 

 

Tags: gite fuori porta,, idee weekend,, gite con i bambini,, proposte per bambini, valle di ledro, ledro

 
Vuoi segnalare un evento?
Contatta la redazione scrivendo a

Iscriviti qui alla Newsletter per avere gli sconti

Vi ricordiamo che Monzaperibambini non cede alcun dato personale a terze parti perchè le tue informazioni ci stanno a cuore!

captcha 
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo